Festival Per dire


Il festival nasce da un’idea di Fabrizio Russo e dall’esperienza del BeaCafé, il caffè letterario che per anni ha rappresentato un vero crocevia di storie, autori, artisti, tra Trastevere e Monteverde vecchio.

Un festival gratuito concepito intorno all’affabulazione e che vuole porre al proprio centro il valore del racconto dal vivo. Due giorni dedicati ai racconti e alle storie vissute o immaginate, perché le storie che raccontiamo, come recita il sottotitolo del festival, sono il modo di prenderci cura di noi stessi.







Patrocinato dall’Assessorato alla cultura, creatività e promozione artistica di Roma Capitale,  il Festival ha contatp sulle narrazioni di illustri ospiti. Tra gli altri, lo scrittore Stefano Benni, i ragazzi del Centro Sperimentale di Cinematografia, la restauratrice Valeria Merlini, i giornalisti e scrittori Claudio Cerasa e Michele Masneri, l’illustratore Filippo Scòzzari, lo scrittore Andrea Villani, l’attore David Riondino, i jazzisti Valeria Rinaldi, Carlo Ficini, Leonardo Cesari, Gino Cardamone e Federica Michisanti nella giornata di sabato. La domenica si è aperta con il breakfast insieme alla scrittrice Sandra Petrignani, proseguono gli esperti di radio Massimo Cirri e Josè Bagnarelli, lo chef Claudio Dordei, il fotografo Nadir Naldi, l’artista Gea Casolaro, l’esperto di cinema Anton Giulio Onofri, lo scrittore Luca Scarlini, il critico Filippo La Porta, il teorico dell’innovazione Andrea Granelli e la giornalista e docente Flavia Trupia.

Durante tutto il weekend i fumettisti Marco Corona e Luca Ralli hanno illustrato il festival in diretta.


Altri progetti